• mail

09/11/2013, 10:21

Tendenza "animalier", un must

Tutti gli stilisti lo usano per l'inverno 2013-2014

Dalla testa ai piedi "animalier". Il  guardaroba femminile è invaso da abiti e accessori in stile animalesco, dal tigrato allo zebrato. Perfino i fuseaux sono stati realizzati da alcune case in questo stile. Ma a dire il vero, l' animalier è sempre ricomparso nelle collezioni di alcuni stilisti che ne hanno fatto i loro evergreen. Dolce & Gabbana quest'anno hanno dedicato al genere un'intera linea di borse, in tessuto plastificato e pelle o in prezioso cavallino. Le stesse macchie vengono impresse nell'abito da sera di sartoria, in chiffon, con gonna larga e maniche al gomito, corpetto accollatissimo. Ancora animalier lo spolverino A-line dal glamour anni '50 e l'abito corto con fiocco al collo, molto bon ton. Nella collezione Autunno/Inverno 2013-2014 Casadei il nero è rallegrato da fantasie animalier in bianco e nero, stampate su cavallino. Stesso disegno per Sandro Ferrone che si diverte a fare spolverini in neoprene e fuseaux anche a macchie di leopardo. L'animalier contagia anche Ermanno Scervino che propone cappotti e borse in cavallino maculato. Maculato anche nella haute couture di Jean Paul Gaultier. Nella sua linea giovane Just Cavalli, Roberto Cavalli ha ripensato agli anni '60 e '70 a Carnaby Street, ai tempi della moda della Swinging London: al vinile, alle minigonne, ai vestiti dalla linea ad 'A', a cui ha aggiunto il suo iconico tema dello stampato animalier, rivisitato e declinato in mille nuove versioni. La tendenza è arrivata anche a marchi più accessibili, intere collezioni animalier si trovano da Benetton, da Persona e in tanti grandi magazzini.

La redazione

Categorie