• mail

11/01/2014, 16:56

Milano moda uomo

Tra conferme e novita'

Da oggi e fino al 14 gennaio al via Milano. sfilate in passerella che mostreranno l'uomo del futuro, dopo quelle di Firenze che hanno chiuso i battanti proprio ieri. Ad aprire Corneliani con uno spirito dandy contemporaneo dal design pulito. Capi minimal, dalla camicia bianca ai cravattini neri e tartan. Tra le novità ritorna la collezione maschile di Antonio Marras, prodotta in con l’azienda italiana Emmegierre Fashion, che debutterà al Circolo Marras in Via Cola di Rienzo, sarà una collezione completa di accessori, calzature, t-shirt con stampe dedicate alla figura del padre, abiti tre pezzi, micro stampe d’ispirazione giapponese e capi voluminosi. Debutto anche di Boglioli con tre temi che domineranno la sua collezione maschile: look bohemian con colori brillanti, e nuance senape, capi d’ispirazione Sixties con accenni al boom del design industriale con blazer monopetto in flanella e camicie con micro stampe geometriche e, infine, l’indaco come colore must solitamente utilizzato per capi estivi, viene proposto anche su peacoat rubati dall’aereonautica militare statunitense. Tra i nuovi nomi Julian Zigleri, designer svizzero che debutta al Teatro Armani di Via Bergognone, e il coreano Kang Dong Jun. Non mancheranno poi giovani designer emergenti che si stanno affermando nel mondo delle grandi firme della moda uomo come Massimo Giorgetti MSGM, Andrea Incontri e Andrea Pompilio. Non soffre l'ansia da debutto Massimo Giorgetti, che si mostra tranquillo e sicuro per la prima volta del suo uomo sulla passerella milanese. E' lui stesso a dirlo nel backstage della sfilata di Msgm, perche' la collezione "e' un vero manifesto di onesta'", ha spiegato. Lo stilista e' partito dalla verita', appunto, e in particolare dalla canzone What is truth? (Qual e' la verita') di Johnny Cash e da Don't lie e I am what I am (Non mentire, Sono quello che sono) dei Vampire Weekend. Nella collezione c'e' tutto il mondo del marchio che piace all'universo hipster e che ha debuttato lo scorso settembre a Milano Moda Donna. C'e' il colore e ci sono le stampe, ma "questa volta - spiega Giorgetti - ogni capo diventa comunicazione d'amore e poesia". Messaggi e parole compaiono su gros-grain, popeline e jersey sport:'Your love is mine', 'Love is art', 'The eyes can see what the mouth can not say'. La nuova felpa, uno dei capi simbolo del brand, per l'A/I 2014-2015 sara' una camicia stampata, logata o ricamata. I pantaloni skinny e le giacche tuxedo slim contrastano con i volumi over di bomber e parka. Su un fondo nero, bianco o grigio melange, oro e argento si alternano a tocchi di rosso, verde e cammello, mentre il camouflage forma un effetto patchwork su cappotti e felpe, oppure si mescola con il chek. Al di la' delle forme e dei colori, pero', secondo lo stilista la cosa piu' importante resta comunque il messaggio.

Ansa e Panorama

Categorie