Partecipa a StileFashion.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Carta da parati in cucina? Non è un miraggio

Le nuove carte da parati in vinile rivoluzionano cucine e bagni

Condividi su:

Che le carte da parati siano tornate di moda non è una sorpresa. Basta sfogliare una rivista di arredamento, fare una passeggiata in centro e guardare gli interni di un negozio di tendenza o semplicemente accendere la televisione e guardare una serie televisiva per rendersi conto di come questo arredo per pareti stia vivendo una seconda giovinezza. Dopo essere stata un must per le generazioni precedenti a partire dalla fine dell’Ottocento, la carta da parati sembrava essere stata abbandonata quando, all'inizio di questo millennio l'enfasi minimalista dettata da arredi scandinavi e spinti da una famosa ditta dai colori giallo e blu aveva imposto che tutte le pareti dovessero essere spoglie e bianche. Se questo stile è piaciuto ad alcuni, altri, dopo qualche anno, hanno cominciato ad essere insofferenti per la candida sterilità e l'omogeneità che questo minimalismo forzato aveva imposto alla società.

Il bisogno di colore ed individualità ha portato ad abbandonare gradualmente questo approccio portando dunque l'arredo di interni verso la nuova fase più colorate e variegata e dal ritorno delle carte da parati allora come elemento essenziale e a individualizzare le pareti. in questo ritorno però ci sono verificati certamente dei cambiamenti, per esempio nel modo in cui si utilizzano le carte da parati, ora non più necessariamente usate su tutte e quattro le pareti ma più spesso pensate per una sola parete evidenziata con un modello dai motivi grafici di grande effetto, come se fosse una vera e proprio opera d'arte. Questo cambiamento è da considerarsi nell’ambito di un rinnovamento tecnologico avvenuto nel settore. La tecnologia ha infatti fatto passi da gigante anche nel mondo degli interni. Finita l’era delle vecchie carte da parati a base di cellulosa con motivi molto conservativi come quelli che ricordiamo nelle camere da letto dei nostri nonni, lo sviluppo tecnologico ha ora portato nuovi materiali e tecniche di stampa che permettono colori intensi, riproduzioni cromatiche un tempo impensabili ed elementi tattili tridimensionali.

A picture containing indoor, table, dining table, clutteredDescription automatically generated

Queste innovazioni non si fermano solo al lato estetico. I nuovi materiali e l’utilizzo di sigillature viniliche hanno permesso di portare sul mercato anche una nuova generazione di carte da parati in grado di essere posate in ambienti umidi, come la cucina ed il bagno. Questo era una volta impensabile, dato che l’umidità è da sempre nemica della carta, e ambienti di lavoro come le cucine richiedono che le pareti siano resistenti al calore e pulibili. Per questo motivo da sempre vengono utilizzate le classiche piastrelle di fronte ai fornelli ed ai piani di lavoro, proprio per poterci passare una spugna quando l’inevitabile schizzo vi si posa sopra.

Le nuove carte da parati per cucine a copertura vinilica offrono la stessa resistenza e flessibilità in quando non temono l’acqua e possono essere pulite senza problemi con un panno umido.

 

Quale carta da parati scegliere per la propria cucina

Le tappezzerie offrono una varietà di design con motivi incredibili che permettono non solo di dare profondità e colore alle pareti, ma anche di creare uno spazio davvero personalizzato in un ambiente spesso sterile. Uno dei grandi vantaggi è che, quando giunge il momento di rinnovare, non è necessario investire grandi cifre per riprogettare la cucina, dato che un modello dal design giusto permette di decorare splendidamente in modo innovativo, sostituendo le pareti monotone e noiose con motivi adatti a questa stanza.

Esistono infatti tantissimi motivi, alcuni dei quali riproducono alimenti, altri imitano materiali come il legno o le piastrelle, o sono caratterizzati da elementi astratti. Occorre però fare attenzione a quale modello si sceglie, dato che non tutti sono adatti alle cucine. Fate sempre grande attenzione alle etichette ed ai dettagli del modello desiderato, dato che deve garantire che sia adatto ad ambienti umidi e pulibile e sfregabile con un panno inumidito.

È sempre meglio rivolgersi ad un negozio specializzato che venda una selezione rivolta a questi ambienti per evitare brutte sorprese.

Condividi su:

Seguici su Facebook